La quarta rivoluzione industriale passa dal green

0

Cosa vuol dire innovare ai tempi dell’industria 4.0? Dai dati emersi nel corso del workshop “Il futuro dell’agricoltura passa per l’efficienza energetica” organizzato da Unioncamere nell’ambito del tour “Le campagne in citta'” di Coldiretti che si e’ svolto a Napoli, le piccole e medie imprese che hanno intenzione di innovarsi nel prossimo futuro punteranno sulle tecnologie green. Rispetto agli anni passati, infatti, il 56,1% tra il 2017-2018 (contro il 52,6% del triennio precedente) di tutte le industrie che hanno come caposaldo il made in Italy, investiranno su modifiche di tipo organizzativo gestionale, di prodotto e di processo che guardano nella direzione della sostenibilità ambientale. Insomma, l’innovazione 4.0 guarda al green, settore decisamente sostenuto dal Piano Nazionale Impresa 4.0 che il Governo ha voluto per sostenere la quarta rivoluzione industriale. Le Camere di Commercio di tutta Italia sosterranno questo tipo di innovazione attraverso la costituzione di una rete di Punti d’impresa digitale, chiamati Pid, e che saranno sparsi su tutto il territorio nazionale allo scopo di diffondere la cultura e la pratica digitale anche nelle piccole e medie imprese. L’ultimo Rapporto 2017 della Commissione Europea, “European Innovation Scoreboard“, mette in evidenza come il nostro paese registri un forte ritardo, rispetto al resto d’Europa, sulla capacità di innovarsi. L’Italia, infatti, è al diciannovesimo posto tra i 28 Paesi dell’UE, Regno Unito compreso. Pare che per mirare ai vertici della classifica sia necessario puntare su una crescita sostenibile, che sappia mettere insieme tradizione ed innovazione: l’elemento del green è assolutamente alla portata delle pmi italiane. Che la sfida abbia inizio!

Share.

Comments are closed.