ArdeForte: l’unico Festival di musica live gratuito a Roma

0

Nicola Melito, 29 anni, gestisce, insieme a due suoi soci, il Barcellona Caffè, un chiosco in zona Eur a Roma. La sua srl insieme a Memetika srl e all’asp Nessun Dorma hanno partecipato al bando dell’estate romana, classificandosi al primo posto in graduatoria. Nasce così il progetto ArdeForte, ovvero un Festival di Musica totalmente gratuito in uno dei Parchi più belli di Roma Sud: il Forte Ardeatino. Nell’intervista Nicola racconta il programma del Festival ArdeForte e la sua idea di business alla base della sua piccola attività economica che vede impiegato uno staff giovanissimo.

Buongiorno, come ti chiami, quanti anni hai e cosa fai nella vita.

Buongiorno Roberto. Sono Nicola Melito, ho 29 anni e gestisco, insieme ai miei soci, Gian Luca ed Angelo, il Barcellona Caffè. Si tratta di un chiosco a Roma Sud che fa attività di ristorazione ma è anche cocktail bar ed organizziamo diversi eventi.

Tra qualche giorno inizierà ArdeForte, il primo Festival della Musica totalmente gratuito di Roma Sud, nel Parco del Forte Ardeatino. Di chi è stata l’idea di fare un festival musicale in una zona così “lontana” dai soliti luoghi frequentati durante l’estate romana?

L’idea è nata dalla volontà di Barcellona Caffè srl, Memetika srl e Nessun Dorma aps, che lavorano da anni attivamente sul territorio di Roma 70 promuovendo arte, cultura e sport. La lontananza dalle altre attività dell’estate romana è sintomo di grande voglia di riscatto delle periferie romane di creare dei centri e poli di aggregazione giovanile, senza dover raggiungere il centro di Roma o le classiche location proposte dall’estate romana, proponendo attività di notevole spessore culturale e di attivismo sociale. Coinvolgere la cittadinanza del nostro territorio con un festival per riportare alla luce un parco abbandonato dalle istituzioni è uno dei moventi che ci a spinti ala realizzazione del festival.

nicolamelito_quozientegiovani

Mi spieghi in breve cosa sarà ArdeForte e quando e dove si tiene?

ArdeForte è un festival di musica live ad ingresso gratuito alla sua prima edizione che quest’anno si svolgerà dal 12 al 15 luglio, proponendo serate con temi musicali differenti. Mercoledì 12 ci sarà l’apertura della manifestazione e proporremo dei saggi di fine anno della scuola Artidee di Roma 70, che proporrà 16 gruppi, da adolescenti a professionisti, che si esibiranno sul nostro palco. Ci sarà poi la performance del coro “Musicanova” neo vincitori del Florilège Vocal de Tours.  Giovedì 13 sarà dedicato all’ “indie Rock” con headliner “Nobraino” e “Bussoletti”, venerdi balkan folk con “Riserva Moak” e “vebeelfletzer”, sabato Hip pop con la crew di “Dj Argento” e l’etichetta discografica francese “Chinese man Records”. Ad essere protagonista non sarà solo la musica bensì 23 realtà sociali territoriali e nazionali per ampliare l’offerta culturale e sociale: ognuna di esse avrà uno stand per proporre le loro attività. Ci saranno ovviamente tanti stand con un’ampia offerta enogastronomica.

Ci sono stati problemi nella partecipazione al bando dell’estate romana? O meglio, è facile per giovani che hanno voglia di fare partecipare a questi bandi pubblici?

Le richieste alle quali adempiere sono veramente molte ma, con impegno e forza di volontà, realizzabili. La problematica principale è la tempistica. Le graduatorie verranno pubblicate a ridosso dell’inizio della manifestazione. Il che ti fa brancolare nel buio nella realizzazione di contratti con artisti, attività commerciali, stand e quant’altro. Per fortuna il 21 giugno sono uscite le graduatorie provvisorie.

Il Comune di Roma vi aiuta nel finanziamento del progetto?

No. Sono previsti rimborsi per un massimo di 28k nel caso di perdita, il budget è però differenziato in base al posizionamento in graduatoria. Siamo comunque enormemente soddisfatti per essere arrivati primi nella graduatoria del bando dell’estate romana.

Come miglioreresti questi aspetti burocratici?

Arte, cultura e religione dovrebbero essere alla base del rilancio della vita socioeconomica italiana, lo dice la nostra storia. Per il bando dell’estate romana si potrebbero anticipare le richieste a dicembre con uscita delle graduatorie a febbraio per garantire una migliore organizzazione.

Veniamo alla tua attività con il Barcellona Caffè. I vostri progetti per il futuro?

I progetti sono molti, alcuni già avviati, come l’autoproduzione e vendita di cesti di Natale per le aziende e liberi professionisti, la produzione di mobili in legno realizzati a mano, come tavoli, sedie sgabelli, banconi bar, attività che abbiamo svolto in collaborazione anche con Emanuel Simeoni, il disegnatore di Batman per DC Comics. Per settembre è previsto un altro festival presso il Barcellona Caffè, forse l’ultimo presso il Barcellona Caffè ma questa è un’altra storia. Il festival di settembre vedrà una mostra di tele giganti di 10 artisti del nostro territorio che le stanno realizzando i giovedì sera, live, nella piazzetta del nostro chiosco. Una sfilata di moda di giovani stilisti autoprodotti, nella quale cercheremo di mettere in risalto l’identità dei nostri clienti che dovranno confrontarsi con dei manichini. Un’esposizione di cantine vinicole italiane con ospiti i produttori e i sommelier delle cantine per l’educazione del palato dei clienti. Infine musica live per 6 date.

barcellonacaffè_quozientegiovani

Che consigli daresti ai tuoi coetanei che si propongono di intraprendere attività come la tua?

Di non considerarsi unici, di non pensare di essere indispensabili ed insostituibili, che la collaborazione è necessaria ma sopratutto paritaria ad ogni livello, che la nostra vita è frutto di eventi più o meno fortunati e di conseguenza che non tutti possiamo avere le stesse opportunità, quindi di gratificare allo stesso modo con il quale gratificano loro stessi chiunque lavori o collabori con loro.

So che il Barcellona Caffè, oltre te e i tuoi soci, ha uno staff composto prevalentemente da giovani under 30. In che modo il quoziente giovani ha fatto la differenza? Tu e i tuoi soci siete giovanissimi ma avete molti giovani dipendenti. Il vostro segreto?

Avendo studiato economia ho avuto la possibilità di conoscere e scartare tutte quelli che sono i modelli di business che ci vengono imposti, sia quelli dell’attuale sistema capitalistico che quelli di gestione del sistema pubblico. Abbiamo adottato il più semplice del sistema di “business” che ha oltre duemila anni di storia e che comunemente è conosciuto come “la moltiplicazione di pani e pesci”, che tradotto in termini economici vuol dire rinunciare al rimborso della quota del finanziamento soci e standardizzare gli stipendi, un tot di euro l’ora uguale per tutti, a tutti i livelli dal lavapiatti al proprietario, con conseguente incremento di stipendio di circa il 10% annuo per tutti. Lo stesso sistema è stato utilizzato per le collaborazioni, specialmente con associazioni no profit ed artisti al quale è destinato buona parte dell’utile per l’autofinanziamento delle loro attività e per la loro crescita personale e professionale, nonché il reinvestimento dei rimanenti utili in attività parallele. La problematica più grande riscontrata in questo sistema deriva unicamente dal fatto che dobbiamo pagare un affitto ad un privato detentore di 4 occupazioni di suolo pubblico su Roma, il che limita una crescita ancora più esponenziale, non solo per la nostra attività, ma anche per lo stesso Stato o, nel nostro caso, il Comune di Roma. Ti faccio un esempio: abbiamo la manutenzione dell’area verde, si potrebbe fare molto di più, da un mini parco giochi gratuito all’ampliamento della manutenzione di altre aree verdi abbandonate nelle vicinanze. In attesa che cambi qualcosa, che i giovani piccoli imprenditori vengano aiutati piuttosto che messi in difficoltà, concedimi una battuta: ci affidiamo alla provvidenza e cerchiamo di seguire gli insegnamenti di vita di Gesù che, al momento, sono il segreto del miglior sistema di business per i giovani che vogliono fare impresa partendo da zero, nonché il segreto dell’esplosione del talento di ognuno di noi. Provare per credere!

Roberto Miscioscia

Per maggiori info sul Festival della Musica, ArdeForte clicca qui

To know more about ArdeForte click here

Share.

Comments are closed.