Festa della Donna, la storia in controtendenza di Net In Progress: scommettiamo sul potenziale femminile

0

Net in Progress rappresenta un’azienda contro corrente in un’Italia che oggi non sembra essere un paese per donne. I dati Istat ci dicono, infatti, che nel 2016 il numero delle nascite in Italia è calato di un ulteriore 2,4%. Se nel 2015 si era raggiunto il minimo livello con 486mila nascite, nel 2016 siamo scesi 474mila. Perché le donne non fanno figli? Sicuramente l’incertezza e l’insicurezza del mondo del lavoro è la prima tra le tante risposte. Le difficoltà delle donne lavoratrici raccontano storie di contratti precari, spesso privi di tutele e di garanzie come la maternità, stipendi inferiori a quelli dei propri colleghi maschi, licenziamenti inaspettati proprio a causa della dolce attesa.

Ce lo dicono i dati statistici ma ce lo dicono i fatti: l’Italia è rimasta indietro per quanto riguarda il numero di donne occupate e, quando si parla di stipendi e possibilità di carriera, emerge un paese a due velocità: un mondo femminile decisamente diverso e “snobbato” rispetto a quello maschile.

In occasione della Giornata Internazionale delle Donne, Quoziente Giovani ha deciso di raccontare una storia positiva in controtendenza rispetto alla deprimente fotografia che viene fuori dall’analisi ISTAT, la storia di Net In Progress.

Net In Progress è una società che opera nel settore delle strategie di comunicazione ed è editrice di giornali online come Latina Quotidiano e Quoziente Giovani. Innovazione è la parola d’ordine che muove l’azienda che ha fatto di giovani, donne e nuove tecnologie i punti di forza per accrescere il proprio successo.

Quando ad essere valorizzate sono le risorse umane, le loro intelligenze, i loro talenti, insieme al rispetto delle loro esigenze ed aspettative di vita, allora il risultato è quello di un’azienda al top, un’azienda con al suo interno quel mix di caratteristiche vincenti capaci di farla leader nel proprio settore.

La società Net In Progress ha 10 dipendenti e, di questi, 7 sono donne, con una età media al di sotto dei 40 anni. La compagine societaria è under 35 e negli ultimi 4 anni si è distinta per aver promosso campagne nazionale nel mondo delle istituzioni e corporate.

donne_netinprogress

Se oggi la società è in crescita e genera nuovi posti di lavoro è anche grazie all’intuizione di aver guardato oltre i luoghi comuni, sapendo investire su  giovani e politiche di merito, a prescindere dal genere.

Oggi è consuetudine sentir dire “se assumi una donna la tua azienda rischia un importante calo nel periodo in cui andrà maternità; se assumi una donna, non avrai chi ti lavora fino a tarda sera; se assumi una donna non sarà in grado di sopportare anche la pressione lavorativa oltre a quella della famiglia e dei figli”. Net In Progress dimostra l’esatto contrario. “Aver investito su donne e giovani, e sul loro potenziale – dichiara Roberto Miscioscia, AD di Net in Progress -, è stato il vero traino per lo sviluppo dell’azienda. Inoltre noi lavoriamo nel settore della comunicazione e la comunicazione è donna”.

La controtendenza di quest’azienda si dimostra ancora più vera per quanto riguarda la questione della natalità: alla Net In Progress si fanno figli! In 8 mesi ne sono nati 3 e uno è in arrivo. Eccolo il vero merito. Un’azienda capace di dare lo giusto spazio ed importanza alle capacità e di rendere protagoniste le donne o, meglio, capace di scegliere quel giusto mix di capacità femminili e talenti maschili, è un’azienda che può davvero puntare al successo. Un’azienda che non ha paura dei soliti cliché. Un’azienda che cambia innanzitutto la propria politica prima di chiedere cambiamenti al paese. Perché è da realtà come Net In Progress che si può iniziare ad attuare quello che prima di tutto deve essere un cambiamento culturale. L’appello all’uguaglianza, al merito e alla flessibilità può partire dal basso. Dai dirigenti di una grande impresa ai giovani imprenditori di una pmi. Se nel nostro piccolo, nelle nostre realtà quotidiane, riusciremo ad invertire la rotta nella direzione della parità e del rispetto di genere, seguirà un necessario e doveroso cambiamento anche a livello governativo. Dimostriamo prima nelle nostre quotidiane esperienze di saper cambiare se davvero vogliamo che l’Italia  torni ad essere un paese a misura di donna.

Il merito di Net In Progress sta nell’aver adottato una politica di assunzione che non svilisce il ruolo della donna ma lo valorizza e non solo a livello economico, ma prima di tutto a livello umano sapendo anche andare incontro alle esigenze delle lavoratrici. Essere donne vuol dire certamente essere risorse produttive fondamentali, ma anche madri e fulcro della famiglia e quindi della società. Ed il mix di tutte queste capacità, come dimostra Net In Progress, è quello vincente.

 @AntonellaMelito

 

Share.

Comments are closed.