CON I FOOD SHARE ARRIVA ANCHE IN ITALIA LA CONDIVISIONE DI CIBO IN ECCESSO PER AIUTARE I PIÙ BISOGNOSI

0

Secondo un’analisi della FAO sugli sprechi di cibo a livello mondiale, un terzo degli
alimenti prodotti ogni anno, pari a 1,3 miliardi di tonnellate, viene gettato. E quindi
perché non approfittarne per recuperarlo per chi saprebbe valorizzarlo, per chi ne
avrebbe davvero bisogno? Questa è la domanda che si è posto Daniele Scivoli, 36
anni, presidente e fondatore di I Food Share.

 

IFOODSHAREIMM

 

 

 

 

 
Il progetto parte dalla Sicilia, terra d’origine di Daniele, e prevede che tramite una
piattaforma web privati cittadini, fornitori e rivenditori possano offrire i loro prodotti
alimentari in eccedenza in modo gratuito, per tutti coloro che ne avessero bisogno.
Quello di Scivoli è il primo sistema web in Italia di condivisione online di cibo a
scopi umanitari e la novità è proprio il web, poiché esso permette la pubblicazione
diretta del cibo offerto e la sua localizzazione a livello nazionale.

Share.

Comments are closed.